Aggiornamento dalla frontiera e appello cibo

Aggiornamento dalla frontiera e appello cibo

11 aprile 2019 Non attivi Di passamontagna

La frontiera è ovunque

Questa linea immaginaria che taglia il Colle del Monginevrro continua a essere zona di passaggio e di attraversamento. Continua ad essere territorio di caccia al migrante da parte delle forze di polizia, che costringono le persone a camminare nascondendosi nella neve e nella montagna per chilometri.

 

Siamo già a quattro morti (conosciuti) su queste montagne.
Ultimamente la polizia francese si è data da fare per bloccare le persone che cercavano di lasciare Briançon per andare altrove in Francia. Si apposta alla partenza dei treni chiedendo i documenti e distribuendo regolarmente dei “réfus d’entrée” (dei “rifiuti d’accesso”) anche se si trovano a più di 10 km dalla linea frontaliera. Ciò ha provocato un blocco su Briançon: molte persone si sono viste obbligate a restare nella cittadina di frontiera per non essere deportate in Italia.

Dalla parte italiana, nel Rifugio Occupato si continua ad ospitare persone di passaggio e si continua ad organizzarsi contro le frontiere, nonostante la presenza costante di sbirraglia varia e voci di sgombero.
Ma tanta gente passa di qui, e le nostre scorte alimentari stanno finendo. Per questo chiamiamo alla solidarietà concreta.

Abbiamo necessità di qualsiasi cibo; dal riso alla verdura, dalla farina all’olio, dal caffé alle fette biscottate, dallo scatolame vario allo zucchero… dalle bottigliette d’acqua per chi deve affrontare la strada, alle merendine energetiche/cioccolato/barrette-di-qualsasi-tipo. Qualsiasi alimento è benvenuto.
Tutto serve,.dal sapone per lavare i piatti alla carta igienica. Continuiamo inoltre a raccogliere scarpe da montagna di taglia superiore al 41.

 

l Rifugio è aperto a tutti e tutte coloro che vogliono dare una mano e organizzarsi per lottare contro le frontiere.
Passate a trovarci!
All Cops Are Borders